Pastorale dello Sport - Centri Estivi
12 dicembre 2019

La vera storia di Natale: «C’era una svolta…»

Le fiabe, che ci hanno raccontato fin da piccoli, cominciano sempre con un “c’era una volta…”, per introdurre in un tempo fantastico, lontano, forse mai esistito, ma pur sempre bello da immaginare. Il rischio, anche per noi cristiani, è quello di pensare che anche il Natale assomigli un po’ a queste fiabe. Le luci, la musica, i regali, gli addobbi rischiano di creare un contorno magico ed emozionante lasciando, poi, alla nostalgia il suo finale. Il Natale invece è vero. E’ una storia vera, documentabile, incarnata: “Dio si è fatto carne”. Da quel giorno la storia umana non è stata più la stessa. Per questo sarebbe meglio iniziarla con un “c’era una svolta…”. Lo diciamo tutte le volte che una vicenda prende una piega diversa, quando perdiamo la strada e siamo invitati a cambiare marcia, quando un indizio imprime una novità all’indagine. Lo ripetiamo quando anche la nostra vita svolta radicalmente. Lo ha detto anche il raccattapalle quindicenne, Callum Hynes, diventato eroe in casa Tottenham durante la sfida con l’Olimpiakos in occasione del gol del pareggio. Elogiato pubblicamente da Josè Mourinho il ragazzino ha ammesso: «È tutto un po’ surreale e non riesco a credere a quello che è successo. Ha dato una svolta alla mia giornata, alla mia vita». Una svolta che hanno vissuto anche i centocinquanta dipendenti di un’azienda di tubi in acciaio inox e leghe speciali che si sono trovate rimborsate le spese di iscrizione, delle rette, dei servizi mensa e scolastici dei figli. Un bell’esempio di reinvestimento degli utili che viene da un imprenditore vicentino, insieme ai suoi tre figli:

“perché morire con i soldi in banca? I nostri paesi non devono scomparire, quindi che i soldi restino in azienda e a chi produce”, ha spiegato ai giornalisti. Un gesto tangibile di generosità che tiene conto di come si può amministrare custodendo la vita degli altri e non semplicemente il proprio guadagno. La stessa svolta che ha vissuto Lorenzo che ha saputo affrontare con coraggio il tumore che lo ha colpito riuscendo a dare coraggio anche agli altri piccoli pazienti ricoverati con lui in ospedale. La sua è la storia di un ragazzo che ha deciso che sorridere è più facile che protestare e far sorridere gli altri piccoli pazienti un’opportunità per crescere. «A Natale avevo le stampelle – ricorda il quattordicenne – ho messo delle palle di Natale e il nastro colorato dell’albero sulla stampella per cercare di togliere il pensiero». Della stampella oggi non ne ha più bisogno ed è uscito guarito dall’ospedale. Fuori, adesso, ci sta anche Ture dopo aver scontato dodici anni di carcere. Gli incontri con il figlio, che non ha visto nel giorno della nascita perché arrestato il giorno prima, sono sempre ricoperti di bugie, fino al giorno in cui il bimbo fa i conti con la realtà: “Papi, tu non stai al lavoro tu stai in carcere. Cosa hai fatto? Hai rubato? Hai ammazzato qualcuno?”. Parole che spingono Ture a dare una svolta alla sua vita. È Natale quando nella tua vita “c’è una svolta…”, come per i magi che “per un’altra strada fecero ritorno”.

L'angolo dell'assistente

La vera storia di Natale:  «C’era una svolta…»

Don Alessio Albertini

Assistente Ecclesiastico Nazionale