6 settembre 2019

L’atletica Csi nell’azzurro dell’Adriatico

Dal 6 all’8 settembre Pescara ospita il 22° Campionato Nazionale di Atletica leggera

Sulle corsie blu dello stadio abruzzese in programma sprint, mezzofondo, fondo, lanci, salti e staffette. Ben 1300 finalisti nelle diverse specialità. Oltre 500 (il 40%) sono under 14. Quasi trecento gare nei tre giorni che laureano i campioni nazionali per le 21 categorie. Il presidente Bosio: “Doppiamente orgogliosi nel promuovere una disciplina che lega amicizia e sacrificio”
L’atletica Csi nell’azzurro dell’Adriatico

Pescara, 5 settembre 2019 - Di ritorno dalle vacanze per il Csi è già tempo di correre. Giovedì 5 settembre infatti, prenderà il via il 22° Campionato Nazionale di Atletica leggera su pista del Centro Sportivo Italiano. Per la prima volta gli atleti arancio blu si sfideranno in una struttura inedita, sul tartan dello stadio adriatico di Pescara, colorato di blu come il mare che bagna il capoluogo abruzzese. Quasi 1300 i partecipanti all’evento, 692 maschi e 603 femmine, che fino all’ultimo respiro, si contenderanno il titolo di campione nazionale nelle varie specialità e nelle 21 categorie previste dal regolamento. Sono stati raggiunti numeri considerevoli anche per questa edizione: 108 le società sportive in gara, in rappresentanza di 11 regioni italiane (Veneto, Lombardia e Toscana le regioni con più iscritti, rispettivamente 403, 373 e 156). Seguono il Trentino –Alto Adige/Südtirol con 148, l’Abruzzo con 56 e l’Emilia Romagna con 41. 30 in totale i comitati Csi coinvolti tra i quali spiccano quello di Vicenza (252 atleti), di Milano (151) e di Trento (148). Per i padroni di casa troviamo 56 iscritti, 43 del comitato di Teramo e 13 per quello di Chieti.

Complessivamente saranno 1018 atleti delle regioni del nord, 248 del centro, e solo 29 giungeranno dal sud. Dato assai significativo gli oltre 500 partecipanti under14 (il 40% dei finalisti) ad evidenziare la spiccata vocazione giovanile dell’attività sportiva ciessina.

 

Il benvenuto ai finalisti arancioblu arriva dal presidente nazionale del Csi, Vittorio Bosio, «Nel Csi l’atletica è una disciplina regina, e rappresenta il nostro gran Gala di apertura per la nuova stagione. Mi auguro che l’esito della manifestazione pescarese sia di piena soddisfazione per organizzatori e partecipanti, e doni agli appassionati di questa disciplina, le gioie che meritano. Vedendo così premiata la particolare attenzione all’attività sportiva giovanile siamo poi doppiamente orgogliosi di promuovere questo sport che unisce valori importanti quali sacrificio, passione ed amicizia, sempre nel cuore del Csi».

 

Come nei campionati passati, una particolare attenzione sarà riservata agli atleti con disabilità intellettivo relazionali o fisico sensoriali (15 quest’anno) che si metteranno alla prova insieme alle guide o al fianco dei colleghi normodotati.

 

Un programma molto fitto e denso d’impegni non solo per gli atleti ma anche per gli altri partecipanti e per tutto lo staff dell’associazione che lavorerà al meglio per una perfetta riuscita della manifestazione. Dopo gli accrediti disponibili nella giornata di giovedì dalle 15:00 alle 20:00, venerdì 6 allo Stadio Adriatico Cornacchia si comincia con la cerimonia d’apertura e la sfilata affiancata dalla conferenza stampa (ore 11 tribuna Adriatica, poi il ritrovo dei concorrenti e il via alle gare che proseguiranno anche nel pomeriggio).

Sabato 7 si continua con le varie specialità in mostra e nella giornata di domenica 8 dopo le finali si proseguirà con la tradizionale celebrazione eucaristica a bordo campo delle ore 11:45 presieduta da Don Alessio Albertini, Assistente Ecclesiastico Nazionale del Centro Sportivo Italiano per poi terminare con le premiazioni di rito per le società e squadre vincitrici.

 

Tre squadre del nord da battere dopo i risultati ottenuti nelle recenti edizioni; Csi Atletica Colli Berici, campione in carica da due anni, Polisportiva Dueville (entrambe di Vicenza) e l’Atletica Ravello di Milano sono le pretendenti a conquistare la speciale classifica generale per società.

Tutto da scoprire e da vivere poi l’aspetto tecnico, con tanti nuovi record nazionali da registrare negli almanacchi del Csi.

 

Entra anche tu nel social CSI e commenta con

#VitaCSI