29 gennaio 2019

SNOW VOLLEY SHOW

Il Csi gioca a pallavolo sulla neve

Al via nel 2019 7 tornei in 6 diverse province italiane. L’Acqua San Bernardo Snow Volley Tour quest’anno tocca le località sciistiche di: Sestriere (TO), Roccaraso (AQ), Alta Badia (BZ), Monte Zoncolan (UD), Breuil-Cervinia (AO), Prato Nevoso (CN) e Plan de Corones (BZ)
SNOW VOLLEY SHOW

E’ tempo di Snow Volley Show nel Csi! In mostra nel 2019 la disciplina ufficialmente riconosciuta dal Csi, con cui Snow Volley Italia ha deciso di avviare una collaborazione per promuovere e far conoscere questo entusiasmante nuovo sport. La pallavolo sulla neve in poche, pionieristiche stagioni ha conquistato l’interesse di professionisti, amatori e appassionati che, con non poca sorpresa, dichiarano di ritrovare in alta quota sia le condizioni ideali di gioco, sia l’atmosfera festosa e coinvolgente del gioco estivo in spiaggia.

L'occasione giusta per provare questa nuova disciplina sarà la terza edizione dell’Acqua San Bernardo Snow Volley Tour, la manifestazione, promossa da Snow Volley Italia, che intende permettere a tutti di mettersi alla prova in uno sport da considerarsi “estremo”, che si gioca ad ogni altitudine e con qualsiasi condizione atmosferica. Lo si può giocare con ogni formula: 2 contro 2, 3 contro 3 o 4 contro 4. Al megli dei tre set, a 15 punti. Tutto al maschile (rete ai 243 cm), al femminile (rete ai 224 cm) o misto (235 cm), con almeno una donna in campo nel 3x3 e almeno due quote rosa nel 4x4. Sta dunque per cominciare la rincora al titolo dello Snow Volley, che verrà assegnato a Prato Nevoso (CN), dal 29 al 31 marzo, che con oltre 350 iscritti è da anni l’evento di Snow Volley più grande al mondo.

Le tappe toccheranno sette diverse province italiane. Dopo l’evento inaugurale tenutosi a Sestriere (TO) la prima tappa del 2019 il 16 e 17 febbraio sarà in Centro Italia a Roccaraso (AQ) nella stazione di Pizzalto: le sfide andranno in scena nel comprensorio sciistico dell’Alto Sangro. 

A seguire si giocherà come da tradizione in Alta Badia (BZ) il 2 e 3 marzo, con la speciale tappa King & Queen dove 8 dei migliori giocatori per categoria verranno invitati per affrontarsi sul campo e decretare un unico vincitore. Il tour proseguirà allo Zoncolan (UD) il 9 e il 10 marzo, a Breuil-Cervinia (AO) il 16 e 17 marzo. Quindi il Grand Finale di Prato Nevoso (CN).  A Plan de Corones (BZ) poi il 6-7 aprile, l’Italia ospiterà inoltre due diverse tappe del tour europeo promosso dalla CEV (Confédération Européenne de Volleyball). Parteciperanno atleti di livello internazionale e lo spettacolo si annuncia di altissimo livello.
Non era facile, fino a pochi anni fa, prevedere che lo Snow Volley avrebbe vissuto una tale consacrazione. La disciplina per decenni è stata praticata solo a livello amatoriale in nazioni ricche di abbondanti nevicate. Una delle più antiche testimonianze risale al 1955: è una fotografia in bianco e nero e ritrae alcuni giocatori russi, tra cui il campione olimpico Vitali Kovalenko, mettersi alla prova nei dintorni di Mosca. 

Qui da noi i pionieri sono i ragazzi di Snow Volley Italia, che si sono posti l’ambizioso obiettivo di far approdare la disciplina alle prossime Olimpiadi invernali. E i primi risultati della crescita del movimento nostrano sono tangibili. Uno su tutti, il 5° posto ottenuto dalla squadra italiana alla 1° tappa del circuito europeo che si è tenuta a Mosca lo scorso 20-22 dicembre, con l’accesso alla semifinale sfumato solo al tie break (14-16). L’Italia era la seconda delegazione per numero di partecipanti dopo la Russia.

«Continueremo la promozione affiancando allo Snow Volley anche tanti eventi collaterali - sostiene Matteo Carlon, fondatore di D4P e presidente Snow Volley Italia -. In occasione delle tappe avremo musica dal vivo, dimostrazioni di Footvolley sulla neve, animazione per bambini. Promuoveremo la disciplina non solo sotto l’aspetto sportivo, ma anche come occasione di aggregazione e di festa grazie anche ai valori di correttezza, condivisione e rispetto che questo sport porta con sé. Tutto questo in linea con la proposta sportiva ed associativa del Centro Sportivo Italiano, ente con il quale ci siamo subito trovati per un progetto di crescita della famiglia degli Snower, i giocatori di Snow Volley, e che sostiene quale partner la promozione di questa nuova disciplina aperta a tutti i livelli di gioco».

«Abbiamo voluto sostenere questa proposta – aggiunge Vittorio Bosio, Presidente Nazionale CSI – e avvicinarci a questa nuova disciplina sportiva. A molti potrà sembrare insolito “giocare a pallavolo sulla neve”, ma sono convinto che se vogliamo intercettare le richieste delle giovani generazioni, la proposta sportiva arancioblù ha la necessità di aprirsi anche a queste nuove opportunità.”