17 marzo 2017

Primi giganti ecco Runners e Sleepers

Al S. Pellegrino via alla Diavolina Cup Csi

Sulle nevi della Ski Area San Pellegrino primi slalom di scrematura per il campionato nazionale di sci del Csi. Con il super speciale tra i pali nani i 205 Baby divertono e si divertono
Primi giganti ecco Runners e Sleepers

Falcade 17 marzo 2017 Partito a Falcade il 19° Campionato nazionale di sci del Centro Sportivo Italiano. Nella suggestiva cornice dolomitica, la neve di Falcade nel bellissimo comprensorio della Ski Area San Pellegrino ha offerto una prima giornata di gara davvero ricca di contenuti agonistici e di partecipazione associativa.

Neve, cielo azzurro, successi e sorrisi, gli ingredienti di una “prima” che ha soddisfatto a pieno l’organizzazione e soprattutto i coloratissimi concorrenti venuti dagli sci club della Lombardia, del Veneto, e ancora da Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Piemonte. Apripista virtuale della Diavolina Cup 2017, è stato il presidente nazionale del Csi, Vittorio Bosio, che nella serata inaugurale, dando il benvenuto ai 500 finalisti del Csi, ha ringraziato gli atleti, i genitori, gli allenatori presenti assieme agli organizzatori, ai giudici e alla commissione tecnica dello sci, guidata da Alessio Franchina. “Non è la medaglia il bello di questa manifestazione – ha detto ai rappresentanti e responsabili degli sci club del Csi Bosio - ma l’esserci, e partecipare. Siamo qui in molti perché in tanti ci mettiamo il cuore, sempre per dare opportunità ai giovani di crescere con lo sport”. A rafforzare il significato profondo di queste finali ci ha pensato don Alessio Albertini, consulente ecclesiastico nazionale del Csi, che ha parlato ai presenti chiedendo loro di partecipare “concentrati sui paletti ed al contempo ammirando lo straordinario contesto circostante. Fate tesoro di questo nel cuore! Non siamo noi creatori, ma creature. Godiamo di ciò l’uno con gli altri e sia una festa per tutti”. I primi riscontri cronometrici sono arrivati in mattinata presto dal Passo San Pellegrino, neve trentina. Su tre distinte piste contemporaneamente sono scesi i finalisti, dopo la ricognizione di rito. Sulla Campigol i 205 under 12 con il pettorale del Trofeo Baby, 102 maschietti, 103 femminucce, a sottolineare come davvero lo sci sia sport per tutti. Spiritoso il super speciale su un tracciato semplice con un solo cambio di pendio reso divertente per la presenza dei pali nani. Sulla Costabella, 36 porte di gigante tracciate da Renato Donazzolo per le 120 donne in gara, suddivise nelle diverse categorie, mentre sulle Coste hanno aperto il cancelletto del gigante i 170 uomini, impegnati in uno slalom di 37 porte, angolate e ben tracciate da Roberto Parissenti. Da sottolineare l’ottima tenuta della neve per tutto l’arco della gara, nonostante il sole primaverile e il caldo: alcuni dei migliori tempi assoluti in classifica sono infatti stati ottenuti da sciatori e sciatrici con il pettorale alto. Così, come di consueto il primo gigante della Diavolina Cup ha suddiviso gli atleti e le atlete che concorreranno al Trofeo Runners, riservato ai più performanti tra i pali, e gli Sleepers, i più lenti o “sonnecchianti”, ma comunque dignitosamente in gara e parimenti impegnati a conquistarsi un titolo nazionale. Particolarmente tenaci i tre atleti disabili, due del Passo Cuneo e uno dello Sci Cai Edolo che hanno slalomeggiato tra i pali larghi sui monosci con gli stabilizzatori tra i guanti, riscuotendo speciali incoraggiamenti e complimenti anche dai numerosi sciatori presenti sugli impianti della Ski Area San Pellegrino.
Cronometro alla  mano sono stati sette i migliori “runners” di giornata, capaci di tenere il tempo sotto i 60 secondi. Il camuno Andrea Faustinelli negli allievi guadagna per sé 100 punti chiudendo due centesimi sotto il minuto. Le tute rosse dello Scalve Ski moving festeggiano e applaudono l’ottimo slalom dello junior Diego Andreoletti, 58”51 al traguardo miglior tempo di giornata. Soli ventitre centesimi in più ha impiegato tra i seniores, un altro scalvino: Mario Pizio applaudito dall’onda verde fluo dello Sci Club Valle di Scalve. Avanti Bergamo nei parziali del Superteam per comitato, quindi Valcamonica e Feltre. Domattina si torna in gara sulle piste del versante falcadino. Sulla “Panoramica” c’è lo Slalom Speciale Runners, che assegnerà i titoli di campione nazionale tra i pali stretti che assegnerà i titoli di specialità mentre sulla pista Le Buse si terrà il Parallelo Sleepers. I più piccoli Baby saranno invece impegnati in un gigante sul pendio della pista Malghette. In serata alle ore 18, l’appuntamento libero con la Santa Messa quaresimale di don Alessio Albertini.