ARENA - LA NEWSLETTER SULL'IMPIANTISTICA SPORTIVA

ARENA - LA NEWSLETTER SULL'IMPIANTISTICA SPORTIVA

La ricerca e l'innovazione in ambito sportivo è in crescente aumento, così come l'attenzione di tantissimi sportivi (amatoriali e professionisti) nei confronti degli ambienti e degli spazi che ospitano il loro tempo. Effettuare l'attività fisica e sportiva in ambienti sicuri e confortevoli, quindi, è una prerogativa cui non possono più derogare nè i praticanti, nè tantomeno chi gestisce un impianto sportivo.


"ArenA" vuole perciò rispondere alla crescente domanda di informazione qualificata e scientifica circa le tematiche legate all'impiantistica e agli spazi dedicati allo Sport. Per questo motivo, il Centro Sportivo Italiano, in collaborazione con aziende leader del settore di riferimento, mette a disposizione dei propri tesserati e di chiunque fosse interessato questo strumento utile per una sempre maggiore crescita e competitività della base sportiva, convinti del fatto che una vincente strategia di sviluppo non può prescindere da impianti sempre più performativi e sicuri a vantaggio di tutti i "players" interessati.

 

Iscriviti alla newsletter

IMPIANTI SPORTIVI: RIQUALIFICAZIONE E RESTYLING 

 

Quando ci si accosta al tema dell'impiantistica sportiva, spesso esso rappresenta un vero e proprio ostacolo apparentemente insormontabile per molte realtà: i costi di progettazione, realizzazione, messa in sicurezza, manutenzione, ecc...
Tuttavia per chi gestisce campi e impianti sportivi esiste una soluzione intermedia che non richiede ingenti investimenti ma che può risultare spesso una scelta oculata in termini di risparmio economico ed anche ecologico. Stiamo parlando delle riqualificazioni di impianti già esistenti e funzionanti.
In questo numero, presentiamo alcune tipologie di intervento pratiche attraverso le quali è possibile mettere mano al proprio impianto garantendo un intervento veloce, economico e redditizio nel tempo, grazie anche al risparmio energetico che ne può derivare.
 

Un aspetto di estrema attualità nel mondo dell’erba artificiale è quello dei rifacimenti.

I primi campi di terza generazione sono stati realizzati 10/15 anni or sono e hanno necessità di essere sostituiti.

La case history presentata è di un campo da calcio omologato a 11 giocatori.

Diversi sono gli aspetti da prendere in considerazione nel rifacimento di un campo avendo come principali obiettivi il contenimento dei costi, la velocità di esecuzione e l’ottimizzazione dei materiali esistenti.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO

Negli ultimi anni la sensibilizzazione verso le tematiche ambientali e l’aumento dei costi energetici ha fatto crescere l’attenzione di Prima S.r.l. verso l’ottimizzazione dell’isolamento termico per tutte le strutture sportive con copertura a membrana tessile di sua produzione.
La missione dell’azienda è perciò divenuta l’abbattimento dei consumi di energia, e a tal fine la società ha studiato e realizzato una serie di coperture innovative, tra cui il sistema “CLASSE A” per i palloni pressostatici ed il sistema “ECOKIT” per le strutture ad archi, finalizzati al migliore isolamento termico, che si differenziano notevolmente sia da una singola membrana sia da una doppia membrana classica. 

Grazie ad una separazione costante tra membrana interna ed esterna lungo tutta la copertura, gli innovativi sistemi eliminano tutti i punti di contatto tra le due membrane evitando i ponti termici...

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO

Il rinnovo di un vecchio campo da gioco in resina è oggi un intervento tecnicamente semplice e dai costi contenuti dovuti anche ai tempi ridotti entro i quali è possibile realizzare l'opera.

Tra i maggiori vantaggi offerti dai campi da gioco in resina vi è infatti la possibilità di ripristinare la superficie sportiva usurata o invecchiata, con la tecnica del retopping, che non prevede la demolizione dell'esistente ma la posa di una nuova superficie su quella esistente, debitamente trattata qualora siano presenti crepe, avallamenti, ecc., che vanno eliminati. Le prestazioni tecniche di un campo riqualificato con il retopping sono le stesse di un campo realizzato ex novo in quanto la superficie di gioco viene completamente rinnovata e acquisirà la classificazione ufficiale propria del sistema di pavimentazione certificata scelto, sia che si tratti di un campo da tennis che di un campo da basket, netball, ecc.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO

SPORT E AMBIENTE

 

L'anno da poco iniziato ospiterà in estate la XXXI edizione dei Giochi Olimpici a Rio de Janeiro (Bra); allo stesso tempo, il 2015 è passato alla storia per essere stato quello più caldo di sempre. Da sempre e per definizione, lo Sport è intrinsecamente connesso con l'ambiente e i luoghi che lo ospitano. Non sempre, però, ciò coincide con la realtà: spesso purtroppo speculazioni edilizie, carenza di manutenzione e inefficienza energetica danneggiano l'ambiente e impediscono al settore di sviluppare modelli di pratica sportiva e di business di settore sostenibili e di qualità.
In questo secondo numero di "Arena", i nostri partner ci aiuteranno ad approfondire alcune modalità e tecniche di produzione in linea con una crescita del settore sportivo in termini qualitativi sia per i praticanti che per coloro che gestiscono impianti sportivi.

Buona lettura!

ECONEXT è un’esclusiva tecnologia applicabile al supporto primario di tutti i manti sintetici all’interno della gamma Limonta Sport che rivoluziona totalmente il concetto del ciclo di vita del campo.

Il manto in erba sintetica prodotto attraverso un metodo esclusivo e brevettato, diventa così 100% riciclabile. In accordo alla norma EN10667-16 è classificato infatti come “materia plastica di riciclo”.

Completamente permeabile grazie al particolare processo produttivo, assicura il più elevato drenaggio su tutta la superficie senza necessità dei comuni fori di drenaggio.

A fine vita, il manto ECONEXT può essere rimosso, ripulito, macinato e sottoposto ad un comune processo di iniezione o estrusione per dar vita a un nuovo prodotto. In dettaglio, le fasi del processo del riciclo sono le seguenti....

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO

Negli ultimi anni la sensibilizzazione verso le tematiche ambientali e l’aumento dei costi energetici ha fatto crescere l’attenzione di Prima S.r.l. verso l’ottimizzazione dell’isolamento termico per tutte le strutture sportive con copertura a membrana tessile di sua produzione.

La missione dell’azienda è perciò divenuta l’abbattimento dei consumi di energia, e a tal fine la società ha studiato e realizzato una serie di coperture innovative, tra cui il sistema “CLASSE A” per i palloni pressostatici ed il sistema “ECOKIT” per le strutture ad archi, finalizzati al migliore isolamento termico, che si differenziano notevolmente sia da una singola membrana sia da una doppia membrana classica. 

Grazie ad una separazione costante tra membrana interna ed esterna lungo tutta la copertura, gli innovativi sistemi eliminano tutti i punti di contatto tra le due membrane evitando....

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO

La pratica dello sport è un momento in cui l’individuo si confronta con sé stesso e con gli altri, in luoghi naturali o, come nel caso degli impianti sportivi, creati per esprimersi al meglio, ma sempre pensati nel rispetto dell’ambiente.

Per questo Casali Sport ha messo a punto sistemi combinati di pavimentazione sportiva come Confosport, Pavisint SL 75 e Surface Evolution, ambientalmente sostenibili, che uniscono le caratteristiche peculiari e performanti delle resine acriliche e poliuretaniche alle prestazioni proprie dei sottofondi in granuli di gomma, in questo caso recuperati da PFU.

In tutti questi sistemi, viene infatti posato, come sottofondo, uno strato costituito da un tappetino prefabbricato, realizzato con impasto di granuli di gomma (SBR) provenineti dal riciclo di....

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO

GLI SPAZI PER LO SPORT

La problematica degli stadi da calcio in Italia sta diventando sempre più pressante: diverse società stanno mettendo in cima alla lista delle priorità la ristrutturazione o la costruzione di nuovi impianti adatti a soddisfare le richieste del calcio moderno. 

Un caso interessante di studio è associato ai lavori dello stadio Città del Tricolore di Reggio Emilia (ex Giglio oggi Mapei Stadium, stadio in cui gioca il Sassuolo Calcio), dove nel 2014 sono iniziati una serie di interventi atti a riqualificare l’impianto adattandolo alle esigenze odierne. Uno degli ultimi interventi maggiormente impegnativi riguarda il completo rifacimento del terreno di gioco che aveva evidenziato importanti problematiche nel corso della stagione calcistica 2013-14. Il rettangolo di gioco presentava problemi sia per l’usura del manto erboso sia per la perdita di efficacia del sistema di drenaggio profondo del campo.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO

Prima Srl ha fatto della riqualificazione degli impianti sportivi uno dei propri fiori all’occhiello, contribuendo a realizzare numerosi progetti d’eccellenza, sia nell’ambito della sostituzione delle membrane di copertura su tensostrutture esistenti, sia in quello delle realizzazioni ex novo sempre volte a riqualificare i centri sportivi.

Sempre più società sportive hanno deciso difatti di investire nella promozione dell’attività sportiva, attraverso l’adeguamento delle strutture.

Ciò significa mettere a segno una serie di interventi impiantistici volti ad una ristrutturazione intelligente ed al contempo ecologica, tale da rinnovare radicalmente l’offerta sportiva, contribuendo ad incentivare la pratica giovanile ed a promuovere i valori veicolati dallo sport.

Uno dei maggiori vantaggi della riqualificazione di una copertura sportiva consiste nel...

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO

L’evoluzione avvenuta negli ultimi venti anni e che ha visto il diffondersi su larga scala delle pavimentazioni sportive in resina sintetica, ha radici nei vantaggi che esse assicurano rispetto alle  più tradizionali in erba sintetica o in gomma, e che sono legati alla natura e alla versatilità dei materiali impiegati.

Tra i maggiori vantaggi offerti dalle superfici in resina vi sono: omogeneità della superficie che appare senza giunzioni e possibilità di combinare una vasta gamma di colori ad elevata tenuta nel tempo, con un risultato estetico eccellente e, nel caso di superfici polivalenti, la possibilità di identificare chiaramente le aree di gioco specifiche; costi di realizzazione contenuti e totale assenza di costi di manutenzione. 

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO