Ruolo e presenza nel CSI dei Consulenti ecclesiastici

«A tutti i livelli dell'associazione partecipa un consulente ecclesiastico, nominato dalla competente autorità ecclesiastica, con il compito di contribuire alla realizzazione delle finalità educative del Centro Sportivo Italiano attraverso l'esercizio del suo servizio ministeriale. Il consulente ecclesiastico partecipa, con solo voto consultivo, ai consigli e alle presidenze delle strutture in cui opera»

Art. 15 dello Statuto Associativo del CSI

In comunione con la Chiesa

Il Consulente ecclesiastico è un sacerdote “nel' Centro sportivo italiano più che “del' Centro Sportivo Italiano perché in esso opera a nome della Chiesa da cui ha ricevuto il mandato.

La sua responsabilità pastorale, sviluppata all'interno del proprio ambito associativo - società sportiva, comitato locale, consiglio regionale, consiglio e presidenza nazionali – esige uno stretto collegamento con il vescovo della rispettiva Chiesa diocesana e con gli organismi pastorali in essi operanti.

Il Consulente ecclesiastico nazionale, in particolare, è chiamato a collaborare e condividere i percorsi pastorali con:

Santa Sede:
Pontificio Consiglio dei Laici,  Sezione Chiesa e Sport - Responsabile: Santiago Pérez de Camino Gaisse

Pontificio Consiglio della Cultura, Settore Cultura e Sport - Sottosegretario: Mons. Sanchez de Toca

Conferenza Episcopale Italiana
Ufficio Nazionale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport - Direttore: Lusek don Mario
Servizio Nazionale per la pastorale giovanile - Responsabile: Falabretti Don Michele

Azione Cattolica Italiana
Assistente Generale Ecclesiastico – S.E. Mons. Mansueto Bianchi


Altre Associazioni nazionali con finalità sportive ed educative …
Similmente, nelle singole diocesi, è particolarmente curata la collaborazione con l'ufficio e la consulta: della pastorale del tempo libero, turismo e sport; della pastorale giovanile; della famiglia; della scuola.